tendinite-piede-fisioterapia-fisicamente-predazzo

Tendinite del piede: una patologia sempre più diffusa

La tendinite è una delle maggiori cause di dolore alla caviglia ed al piede. Si tratta di un’infiammazione del tendine stesso che è quella corda forte e resistente fatta di
tessuto fibroso che ancora il muscolo all’osso e permette all’articolazione di muoversi.

Che cos’è la tendinite del piede?

Per tendinite si intende l’infiammazione di un tendine. L’infiammazione è un fenomeno naturale che il nostro corpo attua in risposta ad un infortunio o malattia. Quella del piede, nella maggior parte dei casi, colpisce il tendine d’Achille, tendine più largo e forte del nostro corpo, e prende il nome di tendinite del podista. È un fenomeno in aumento negli ultimi anni, probabilmente per una maggior pratica sportiva sin dalla giovane età e per l’uso di calzature suggerite dalla moda spesso inappropriate.

Da cosa può essere causata?

La tendinite del piede può verificarsi per diversi motivi:
• stress ripetitivi al tendine
• infortuni o traumi
• improvviso aumento di quantità o intensità dell’attività fisica
• usura
• calzature inappropriate
• speroni ossei
• mancato riscaldamento pre allenamento
• contratture muscolari
• malattie metaboliche

Quali sono i sintomi?

I sintomi più comuni della tendine del piede includono dolore lungo il tendine o posteriormente al tallone che peggiora con l’attività, intensità del dolore maggiore il giorno successivo all’esercizio, talvolta gonfiore nella zona infiammata, debolezza ad appoggiare o muovere il piede, rigidità lungo il tendine al mattino. I sintomi possono manifestarsi a riposo e aumentare durante il movimento.

Come prevenire la tendinite del piede?

La prevenzione delle tendiniti si ottiene limitando sforzi ripetitivi usuranti, effettuando esercizi di stretching dolce prima e dopo l’attività fisica, rivolgendosi al fisioterapista per costanti trattamenti di scarico per la muscolatura, scegliendo calzature adatte con l’eventuale aiuto di un professionista.

Il trattamento in breve:

• Diminuire o talvolta interrompere l’attività sportiva che peggiora il dolore
• Fisioterapia: il vostro fisioterapista saprà trattare il vostro problema manualmente, con l’eventuale aggiunta di terapie fisiche e insegnandovi i giusti esercizi ed i corretti
comportamenti da seguire per tornare al meglio alla vostra attività fisica e/o sportiva
• Applicare ghiaccio sulla zona interessata (non a diretto contatto con la pelle, massimo 20 min alla volta, più volte al giorno secondo necessità).