incontinenza-urinaria-pavimento-pelvico-fisioterapia-fisicamente-predazzo

Incontinenza urinaria e fisioterapia

Ti capita mai di avere perdite involontarie di urina quando sollevi un peso, quando tossici o starnutisci oppure di avere urgenza di mingere ma con uno stimolo non procrastinabile nel tempo?

NON TI SPAVENTARE: L’INCONTINENZA SI PUÒ RISOLVERE!!

Cosa aumenta la probabilità di soffrire di incontinenza urinaria?

  • Età
  • Gravidanza e Parto
  • Menopausa
  • Abuso di caffeina, alcool o fumo
  • Scarsa attività fisica, sovrappeso, obesità
  • Interventi chirurgici delle basse vie urinarie (es. prostatectomia…)
  • Interventi chirurgici al rachide lombare (es. ernia al disco…)

Il grande protagonista della situazione: IL PAVIMENTO PELVICO

La zona genito-urinaria-anale che è delimitata dal pube anteriormente e dal coccige posteriormente corrisponde al pavimento pelvico. Questo pavimento si compone di muscoli che vanno a formare una struttura che potremmo definire “amaca” sulla quale poggiano gli organi pelvici.

Tra questi muscoli il più forte ed importante è l’elevatore dell’ano che oltre a sostenere gli organi pelvici garantisce la continenza urinaria ed anale. La cosa importante è che questo muscolo è in grado di contrarsi in modo volontario ed è per questo che POSSIAMO ALLENARLO!!

Come allenarlo? Fisioterapia e riabilitazione del pavimento pelvico

Negli ultimi decenni da numerosi studi scientifici è stato dimostrato che la fisioterapia e la riabilitazione del pavimento pelvico rappresentano il primo approccio terapeutico per la cura dell’incontinenza urinaria.

Il vostro fisioterapista saprà impostare il piano riabilitativo più adatto a voi che consisterà in esercizi terapeutici per il miglioramento della muscolatura del pavimento pelvico, nonché tecniche manuali di rilassamento dell’addome, rieducazione posturale ed eventuali esercizi respiratori.

Il percorso riabilitativo prevede 3 fasi:

  1. PERCEPIRE
  2. ALLENARE
  3. AUTOMATIZZARE

Dietro a questo sintomo si celano molto spesso imbarazzo, disagio e frustrazione per il timore che le perdite possano essere percepite da chi ci circonda. Questo comporta
un’isolamento dalle attività sociali e dalle relazioni personali.

Rivolgiti il prima possibile al tuo fisioterapista per risolvere questo problema e vivere in armonia con il tuo organismo.